Il Castello Larcan – Gravina

Acquedolci dal XV al XX secolo – Notizie utili per la riscoperta di un territorio
[testo liberamente tratto da: Padre Gagliani un prete e la sua parrocchia – AA. VV. pp.15-26: Pierpaolo Faranda Arti Grafiche Zuccarello – Sant’Agata di Militello (ME) – giugno 2001]

Le vicende che determinarono lo sviluppo di Acquedolci sono collegate agli avvenimenti accaduti a San Fratello. Nel luogo dove si designò fondare il nuovo abitato di San Fratello vi era la presenza di un antico borgo o villaggio, chiamato Acquedolci, che si sviluppava intorno ad una Torre medievale, e ancora oggi chiamato localmente con il nome di Marina Vecchia.

La spinta all’insediamento umano in questo territorio fu data dai Larcan de Soto, una delle principali famiglie catalane giunta in Sicilia nel 1391 al seguito di Re Martino I (1392-1409).
Nel 1398 Augerot Larcan ricevette da Re Martino la baronia di San Fratello. A questi va attribuita la costruzione della torre nella marina di Acquedolci, all’inizio del XV secolo.
1405: si decide la costruzione di una Torre “in fogia flomarie que est in medio Sancti Fladelli et Caronie”; incaricati di raccogliere il denaro erano il notaio Pietro de Domenico, vicesegretario di Cefalù, e Andrea de Jaconia (Maurici 1985-87).

veduta anni 60 – foto ACM, collezione Galati

Il nipote Antonio Giacomo Larcan Barone di San Fratello ottenne, nel 1498, la licenza di riedificare e fortificare l’antica torre esistente; in seguito ebbe il permesso di costruire il baglio, potendovi applicare i merli a coronamento delle mura, e la licenza per aprire una nuova tonnara. Nel 1499 propose ed ottenne la licenza per attivare un nuovo caricatore nella marina del suo feudo che funse da volano per lo sviluppo del commercio ad Acquedolci. Nel 1555 il figlio Vincenzo Larcan, Barone delle terre di San Fratello e di Santo Stefano, decise di costruire un nuovo arbitrio o trappeto di cannamele reintroducendo, così, la coltivazione della canna da zucchero, nella marina di Acquedolci.

 

ingresso, cappella e torre visti da est – foto cav. Rubino
torre e castello negli anni 60 – foto ACM, collezione Galati

 

 

 

 

 

 

 

Le condizioni necessarie per l’impianto di uno zuccherificio erano fondamentalmente due: acqua per l’irrigazione e legname per la cottura, condizioni che nel territorio di San Fratello erano garantite abbondantemente.

Coeva alla costruzione del trappeto è quella del fondaco, costruito al di fuori del trappeto.

1899 Castello Cupane e Fondaco – foto ACM, collezione D. Ugdulena

Nel 1622 la baronia di queste terre passò a Giulia Larcan e alla sua morte alla casa Lucchesi dei Marchesi di Delia.

Ferdinando Francesco Gravina e Cruyllas, Principe di Palagonia, Grande di Spagna di Prima Classe, Cavaliere dell’insigne Ordine del Toson d’Oro, divenuto Barone di San Fratello a seguito del matrimonio contratto nel 1698 con Anna Maria Lucchesi e Filangeri, eredita “in infinitum ed in perpetum la detta Terra, Stato e Baronia di San fratello, della Signoria e Trappeto dell’Acquedolci […]“.

Al Principe di Palagonia si deve la decisione di abbandonare la coltivazione della canna da zucchero nel territorio di Acquedolci.

Non essendo più in funzione il trappeto di zucchero, il complesso fu trasformato in una lussuosa dimora feudale potendo così accogliere comodamente il Barone e la propria famiglia durante le visite nel feudo di Acquedolci. Attualmente poco o nulla resta che ricordi lo sfarzo di un tempo. È possibile rintracciare una qualità architettonica nel prospetto settentrionale della palazzina e dentro la chiesetta un tempo dedicata al culto di San Giuseppe, dove i resti dell’altare manifestano motivi decorativi propri del periodo tardo barocco siciliano.

Il prospetto principale è munito di torrioni cilindrici che amplificano il carattere di fortezza della residenza baronale, ponendosi al fianco della maestosa torre d’avvistamento di cui oggi restano solo pochi ruderi.

La mancanza della copertura, ha fatto si che l’interno della palazzina sia andato completamente distrutto.

foto Innocenzo Gerbino

Le proprietà della Famiglia Gravina a San Fratello furono comprate alla fine dell’Ottocento dal Barone Francesco Cupane.

Oggi la proprietà del castello è del Comune di Acquedolci.

foto Ciro Artale

foto Giuseppe Rosignolo

 

  

foto G. Rosignolo                                                    foto Rosario Paolo Salanitro